Oggi si è tenuta una conferenza 30 presso il Municipio della Città Vecchia. Anniversario della Convenzione sui diritti dell'infanzia - un documento internazionale adottato dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite 20. Novembre 1989. sull'argomento I diritti dei minori e ciò che abbiamo ottenuto dalla ratifica della Convenzione sui diritti dell'infanzia nella Repubblica di Croazia, ed è stato organizzato dall'Associazione dei giudici minorenni, giudici di famiglia e specialisti dell'infanzia e della gioventù e dalla Clinica per la protezione dell'infanzia e della gioventù.

Alla Conferenza, esperti internazionali e locali si sono scambiati i risultati dopo l'adozione della Convenzione e la sua ratifica nella Repubblica di Croazia, nonché una visione per migliorare il lavoro sui diritti dei minori.

I partecipanti sono stati accolti all'inizio della conferenza dal Presidente della Repubblica di Croazia Kolinda Grabar Kitarovic, Sindaco della città di Zagabria Milano Bandic, Ministro della giustizia Dražen Bošnjaković, Ministro della demografia, della famiglia, della gioventù e delle politiche sociali Vesna Bedeković e il presidente dell'assemblea cittadina Caro Prgomet.

Siamo un paese giovane che, nel suo recente passato, ha vissuto dolorosi traumi di guerra con profonde conseguenze sulla società nel suo insieme. Nessun bambino è stato risparmiato durante la guerralei disse Presidente Grabar Kitarovic così ha aggiunto che ancora oggi i bambini sono le grandi vittime dell'ondata di rifugiati, perché oltre 50 milioni di bambini sono stati cacciati dalle loro case e non sono in grado di frequentare la scuola elementare. Questa perniciosa mancanza di condizioni per l'educazione dei bambini e dei giovani è la causa di molte nuove ingiustizie, nuovi conflitti e povertà, perché l'istruzione è un'arma potente contro le differenze tra le persone.
In Croazia, possiamo essere a nostro agio con gli standard relativi alla capacità dei bambini di esercitare questi diritti, ha osservato, aggiungendo che dobbiamo essere consapevoli che c'è spazio per i progressi e che non possiamo chiudere gli occhi sui problemi e le debolezze del sistema. A questo proposito, ha sottolineato, non siamo e non possiamo essere soddisfatti delle possibilità di adozione e di affido per i bambini, e ha sottolineato il problema della violenza tra pari.
Ha concluso che è nostro obbligo fornire a bambini e giovani un'infanzia più felice con le convenzioni come quadro giuridico e, soprattutto, con il loro atteggiamento nei confronti della realtà, che possiamo cambiare nel nostro lavoro quotidiano e nelle nostre relazioni con i bambini.

Sindaco Bandico ha sottolineato che Zagabria è orgogliosa del suo nome Città - Amica dei bambini perché ha sempre curato i suoi concittadini più giovani. Sono orgoglioso che la città di Zagabria, con la sua generosa rete di servizi sanitari, educativi e sociali, nonché con le sue strutture culturali e sportive, contribuisca in modo significativo alla qualità della vita di ogni famiglia e individuo. Penso che sia importante sottolineare che stiamo concentrando la nostra attenzione sulla riduzione del tasso di rischio di povertà dei bambini, che ha recentemente attirato l'attenzione di professionisti e decisori, ha affermato il sindaco, citando misure di cofinanziamento per programmi di scuola materna, assistenza ai bambini in pacchetti familiari e prodotti lattiero-caseari, libri di testo gratuiti per studenti delle scuole elementari e superiori, cofinanziamento di pasti nelle scuole elementari, trasporto gratuito per alunni e studenti, aiuti finanziari per attrezzature per neonati e supporto finanziario per un educatore genitore, organizzazione di campi da gioco e borse di studio per studenti anche nelle categorie 7. Abbiamo successo tanto quanto i nostri figli, i singoli e le nostre famiglie che compongono la nostra società nel suo insieme.

Presidente dell'Assemblea Prgomet ha ringraziato gli organizzatori per lo sforzo che hanno fatto per proteggere i bambini, rilevandolo la società quanto può proteggere i più deboli, che sono i bambini.

A nome degli organizzatori, l'incontro è stato accolto con favore dal Presidente dell'Associazione dei giudici minorenni, giudici di famiglia e specialisti per l'infanzia e la gioventù Lana Petö Kujundzic e direttore della Clinica per la protezione dell'infanzia e della gioventù Gordana Buljan Fiandre.

In seguito ai discorsi di apertura di alti funzionari, il giudice Renate Winter, presidente del Comitato per i diritti dell'infanzia e presidente della RSCSL (Sierra Leone Resident Court), che ha lavorato per le Nazioni Unite su progetti relativi ai giovani, è stato presentato al panel. e bambini soldato, ha affrontato la criminalità organizzata e le questioni relative alla giustizia riparativa, ed è l'ex presidente dell'Associazione internazionale dei giudici minorili e familiari e attualmente sta lavorando con l'UNODC su questioni di terrorismo che colpiscono i bambini.

Ha rilevato le carenze nell'attuazione pratica di alcune disposizioni della Convenzione, sebbene sia stata ratificata da tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite. Ha particolarmente toccato l'articolo 2. che prescrive la protezione dei bambini contro ogni forma di discriminazione, l'articolo 6. che garantisce il diritto alla vita e allo sviluppo del minore e il diritto del minore di esprimere liberamente le sue opinioni e il suo rispetto, come previsto dall'articolo 12.
Ha parlato di 10 milioni di bambini vittime della schiavitù moderna, di 50 milioni di bambini che vivono in conflitto e di bambini con disabilità che sono esclusi dalla società, perché molti paesi non vogliono occuparsene.

Anche la conferenza è stata consegnata da vice sindaco di Zagabria Jelena Pavicic Vukicevic. Parlando su un argomento Il diritto dei bambini a crescere in sicurezza il deputato ha osservato che la visione tradizionale di infanzia e bambino. Un bambino non è solo un membro attivo della comunità, ma crea nuovi valori, ha il diritto all'autocomprensione, alla comprensione del mondo che lo circonda ed è allo stesso tempo un essere autonomo e dipendente che non può essere realizzato e sopravvissuto senza interazione con l'ambiente e reciproca ricezione e donazione.
Alla fine della presentazione, ha concluso che i bambini non sono persone emergenti ma persone e hanno tutti i diritti degli adulti.

Oltre al giudice Winter e al vice sindaco, il direttore della casa dei bambini di Nazorova Jasna Ćurković Kelava ha tenuto una presentazione. Diritti dei bambini sulla famiglia, mentre il preside della scuola elementare di Zagabria Matija Gupac, Ljiljana Klinger, ha presentato l'argomento in modo più dettagliato Diritto all'istruzione. Il programma della conferenza si è concluso con gli interventi dei rappresentanti della Clinica per la protezione dei bambini e dei giovani della città di Zagabria, che hanno parlato di Diritto a un'opinione.

L'organizzatore Petö Kujundzic lo ha deciso i bambini hanno bisogno di coloro che fanno qualcosa, quindi è importante mettere costantemente in discussione l'interesse superiore del bambino in relazione a genitori e insegnanti, rispettarlo come persona e credere che in futuro lo vedremo come un cittadino funzionale.