Il più grande evento musicale annuale croato di musica spirituale contemporanea, il concerto "Look at the heart" prodotto da Laudato Television (LTV), sabato, 11. Maggio, ha dimostrato che anche l'Arena di Zagabria non è troppo grande per riunire migliaia di amanti nella preghiera, nella lode e grazie al loro unico idolo musicale e di vita.

Il concerto è stato organizzato per la quinta volta come supporto per Laudato Television, l'unico canale specializzato in Croazia. I partecipanti 18000 provenienti da tutte le parti della Croazia, Bosnia ed Erzegovina, Slovenia, Germania e Austria hanno cantato all'unanimità quasi tre ore, più delle canzoni 30 eseguite da musicisti e artisti 125.

Alta produzione, principale e ausiliario fase, coriandoli, luci, migliori arrangiamenti musicali eleganza e l'orchestrazione sono stati preparati per centrare tutte le canzoni, l'obiettivo finale di raccogliere tutto il concerto e il nucleo di tutto il programma Laudato TV - Dio - è stata celebrata nella maniera più umana possibile .

Il concerto è stato aperto Alan Hržica, Domagoj Pavin i Petar Buljan pregando le invocazioni dell'alleanza dello "Spirito Santo, benvenuto", "Signore, ho bisogno di te e il tuo nome è santo". Ha quindi lanciato il palcoscenico principale Rafael Dropulić - Rafo Chi aveva già riscaldato il pubblico ha ricordato la profondità del messaggio di tutto il concerto "aprire gli occhi del loro cuore" con la stessa canzone.

Il silenzio di gioia che ha inondato la sala ha acceso ospiti la sera, s. Dijana Lončarek, Marin Periš e 'vivo' dalla Cina Josip Kežić, dove ha iniziato una ricerca globale per investitori che sarebbero pronti a investire e salvare Laudato TV.

Continuò a cantare per amare Hanna Polhe i Sorelle Haluzan con canzoni 'First Love' e 'Love Like Ocean'. L'umiltà dell'uomo in relazione all'onnipotenza dell'amore oceanico, che ha superato se stessa e l'arena stessa, è scaturita nelle canzoni di "Nuove creature" e "Bambino umile" di Alan Hržica. Si è unito anche al violoncello Ana Rucner, arricchendo la canzone "Guarda, ti guarda" e "Golgota".

La ricchezza nella diversità - così i leader hanno accolto e presentato il pubblico nel sequel del concerto, invitando con forza: "Siamo sempre unici, non condividere. Ma condividiamo noi stessi. '

Per quel tempo la scena era finita La congregazione dei monaci, dirigendo la canzone 'Siamo venuti da te mamma cara' mentre è un artista Eva Vukina dipinge la realtà del personaggio di Nostra Signora, che cura con cura le braccia dell'Arena e sorveglia l'intera scena. La gioia è stata spezzata con Dal coro Mihovil e le canzoni di "I fiumi di acqua viva", "Ti do il cuore" e "Grazie Signore".

Durante quel periodo, Josip Kežić ha continuato la sua ricerca di investitori. Preoccupato del fatto che ci fosse un interesse cinese nel negozio, ha presentato il suo grande interesse per Laudato, sostenendo l'idea di un videoclip. Nelle lacrime di un pubblico sorridente e forse preoccupato, ha continuato a controllare come avrebbe avuto luogo la storia di Laudat.

Poi è arrivata la scena P. Marin Karačić che ha cantato le sue canzoni, "U Tebi" e "Desert", e si è unito all'arrangiamento rap per eseguire la canzone "Change Me" Ante Cash. Ritmi leggeri culminati nel gruppo Emanuel con la canzone "My Way", "You Light of the World", "How Beautiful a Name" e "Agnus Dei". Saltare e ballare, intrecciati con celebrazioni e svaghi, si spostarono sul palco e andarono alla deriva attraverso la sala.

- Gesù è vivo. Credi che sia presente? Ha chiesto Rev .. Boris Jozić, commissario per i fedeli laici dell'Arcidiocesi di Zagabria all'inizio della meditazione spirituale. Per chiarire la presenza e l'amore di Dio, ha citato la frase del Vangelo di Giovanni: "In verità, Dio ha tanto amato il mondo e ha dato il suo unico Figlio, affinché nessuno che crede in lui perisca, ma abbia vita eterna". (Giovanni 3, 16) Ci ha ricordato la presenza viva di Gesù nel pane eucaristico e ha chiamato insieme ad essere i devoti di questo e quel Dio, mangiandolo nella Santa Messa e portandolo ai suoi simili.

Le sue parole erano un'introduzione al gruppo di celebrazione della comunità di preghiera La vittoria di Dio la cui interpretazione dei brani "Dubine", "Every Glory Deductible" e "Forever" ancora una volta ha attirato l'apice.

Suor Palic ha continuato il concerto con le canzoni "Water Out" e "The Power of Your Love", e proprio quando tutti pensavano che non ci fossero sorprese, si unì a loro Tony Cetinski chi, insieme a loro, ha cantato la canzone "Only Your Love of God". La sua esibizione con la sorella di Palić si è conclusa con la canzone "Mi hai amato per la prima volta". È tornato di nuovo sulla scena Rafo con la canzone 'Slavim Tebe'.

Alla fine del concerto, la fine arrivò alla ricerca di Joseph per coloro che avrebbero aiutato la sopravvivenza di Laudato. Sorprendentemente, proprio come l'esistenza di Laudat, è tornato a Zagabria e si è unito alla scena con Dijani e Marina. La Croazia manterrà il Laudat?

"Giovani, questo è il vostro paese", disse intensamente al radunato Jozo Grbeš, curatore della Custodia Francescana Croata della Sacra Famiglia per gli Stati Uniti e il Canada con sede a Chicago. Dicendo che si era fatto strada, voleva sottolineare che tutte le persone meravigliose che l'anima incontrava erano state divise tra i paesi che avevano lasciato e dove vivevano.

- Diventa apostolo, cambia questo paese in modo che tu possa rimanere in esso, e questo può essere solo se guardi il cuore. Insieme possiamo cambiare la terra con il potere dell'amore. Non arrenderti - ha chiamato P. Jozo Grbeš.

Tutti i partecipanti al concerto si sono riuniti sul palco e l'intera sala, tenendosi per mano, ha pregato il Padre di Patria. La preghiera è caduta spontaneamente nella canzone My Homeland, promettendo il suo successo.

Alla fine tutti gli artisti, guidati dal cantante Peter Buljan cantato la canzone 'Tetti' finali, perché questo è l'Arena quasi lasciato senza un tetto.

È uscito il grande riconoscimento del concerto Mons. Želimir Puljić, il presidente della Conferenza episcopale croata e l'arcivescovo di Zara, P. Jure Šarčević, la provincia della provincia cappuccina croata, fr. Slavko Slišković, Provinciale delle province dominicane croate, P. Josip Blažević, Provinciale della Provincia Croata di San Girolamo dei Francescani delle Convenzioni, Don Tihomir Šutalo, Provinciale delle Province Saleziane della Croazia, Mons. Janusz Stanislaw Blachowiak, Primo segretario del Nunzio Apostolico nella Repubblica di Croazia, Mons. Fabijan Svalina, Direttore della Caritas croata e della rete croata cattolica, Mons. Antun Sente ml., rettore del Santuario Nazionale di San Josipa a Karlovac, Rev .. Borna Puškarić, L'inviato del cardinale Josip Bozanić, Tomislav Madžar, Presidente del Parlamento croato Kolinda Grabar Kitarović, Ljubo Jurcic, Sindaco Milano Città di Zagabria Sindaco Milan Bandic, Ivan Kujundžić, l'inviato del Presidente dell'Assemblea cittadina della città di Zagabria, Dr Drage Prgometa, Iwo Bender, Responsabile regionale EWTN per l'Europa del Medio Oriente.

Gli organizzatori del concerto, televisione Laudato e Nome Association bontà ringraziato il Comune di Zagabria, Zagabria Assemblea Città, gruppo di preghiera Cuore di Gesù, tutti gli sponsor dei media, sponsor, benefattori, il richiedente e le persone di buona volontà, che sono insieme a loro, realizzare con successo questo concerto.

La sceneggiatura di 'Watch With the Heart' può essere vista in anteprima su Laudato TV su Tijelovo, 20. giugno