Non è in prima linea in questa città come espressione della volontà della maggior parte dei cittadini di Zagabria. È la scelta della volontà di un uomo. Sandra Švaljek agisce come sindaco solo perché Milan Bandic ha deciso così. E sulla sua libera scelta basta dire che la procura, Sandri Švaljek, era sotto custodia.

Il fischio ha abbandonato il suo ex capo a breve termine in questi giorni dicendogli che non poteva contare su di lei come vice in nessuna prematura elezione del sindaco. Nelle nuove elezioni con lui, chiaro, non ha intenzione di andare. Per non parlare del suo partito e dell'associazione.

Tuttavia, Sandra Svaljek si aspetta da Bandic nello stesso momento in cui non si è ancora dimesso, così che con l'assistenza della Corte Costituzionale e della polizia, diventerà ancora sindaco. Vale a dire, come sindaco del sindaco di Milano Bandić, decide di lasciare questa decisione alla sua coscienza. Ciò che è chiaro e autoesplicativo, Sandri Švaljek (o forse qualcun altro) non è la grande maggioranza.

Che la coscienza spinto Milan Bandic, indipendentemente dal fatto che si crede che lui è un angelo, un diavolo o un uomo, quale sarebbe la coscienza in tutti e tre i casi viene richiesto Milan Bandic per alimentare quasi tre anni senza la scelta nelle mani di Sandra Švaljek.

Nel primo caso non lo farebbe perché non era il re a delegare l'erede e ad abolire la democrazia nella capitale. Nel secondo caso, non lo farebbe perché l'erede non l'ha ascoltato. Nel terzo caso, non lo farebbe per entrambi questi motivi.

D'altra parte, i motivi che potrebbero incitare la "coscienza" di Milano Bandic a non dimettersi, specialmente dopo che il deputato l'ha abbandonato pubblicamente, non potrebbero certo essere puliti.

Potrebbero trovarsi in quei milioni 15 che Milan Bandic deve all'avvocato Marijan Hanžeković per la sua libertà. Sebbene Hanzekovic sia stato conosciuto più recentemente come proprietario del gruppo di media EPH e avvocato di Milan Bandic, non si dovrebbe dimenticare che lui e il membro HSLS sono prominenti. Sebbene questa festa abbia solo quattro rappresentanti della città di 51, il presidente del partito, Darinko Kosor, si comporta come se avesse acquistato personalmente Zagabria. In particolare, ama patrocinare pubblicamente Sandra Švaljek.

Lei, d'altra parte, dice al pubblico che il Comune sarà guidato da un esperto con esperti e come affrontare la politica e come la politica non significa impegnarsi in politica. E non c'è demagogia politica più economica di quando dice la persona che sarebbe il sindaco. E quando dice apertamente che nessuna elezione sarebbe venuta fuori anche se sarebbe stato un sindaco, si dichiara assolutista affascinante e bello mentre parla.

Ma nient'altro che un comportamento freddo non ha mostrato nulla a Zagabria.

Quali sono i suoi risultati finora? Solo i registi della città sono cresciuti in città. Se gestiscono lo stato, mantengono le loro palle nella capitale. Oltre alla loro paga, tutto il resto è tagliato fuori. Uno come la Snow Queen offre molto, e altri, come PBZ's Indoor, non danno nulla. I criteri sono inesistenti.

Gli attori del sindaco sono più magri che mai. Sebbene gli spazi della città siano vuoti, non vengono noleggiati. Non perché non ci sia interesse, ma nessuno firma nulla per mesi nell'amministrazione della città.

I tram possono guidare, ma con pericolose tracce di sporco. Rappresentanti e politici pagano per stipendi e salari, ma per molto tempo nessuna pala ha toccato la trama di un edificio a Zagabria. Le persone ricevono donazioni per la sepoltura, quindi in seguito si cercherà lo stesso denaro.

Se la trasparenza nel prendere la decisione del sindaco di Zagabria e fu nelle tracce, è completamente scomparso nel suo vizio. I giornalisti, per esempio, senza successo, cercando di imparare a transazioni con Holding e il Comune guadagnare Hanžeković e l'ufficio notarile della sua ex moglie.

È un segreto commerciale, dicono. Sandra Švaljek dell'amministrazione della città e della Holding può essere in politica, ma introduce dei segreti. E il più grande segreto di tutti è che ha persino raggiunto la lista di Milan Bandic.

È questo il segreto e il motivo per cui lei si aspettava così tanto di diventare sindaco in estate e senza il prefisso VD?

Non è un segreto che a Zagabria ci sia una cerchia di persone influenti e benestanti che pensano parzialmente che questo stato sia ben pubblicizzato come impopolare. Hanno preso Zagabria per un esperimento?

Il loro campo era l'ideale. Il bandico è sempre stato antipatia per i combattenti croati per i diritti umani e la democrazia. I diritti umani non sono riconosciuti. Le indagini della polizia contro di lui e dei suoi associati sono deliberatamente ritardate in quanto non sarebbero libere di agire politicamente. E sono persone legalmente innocenti. Ma nessuno alza la voce contro di esso.

I consiglieri comunali, che potevano bloccare questo blocco di Zagabria demolendo il bilancio, preferivano salvare le loro poltrone e le loro onorari parlamentari piuttosto che i cittadini e i loro interessi. Vedono il futuro incerto per tutti, quindi assicura almeno per se stesso. Hanno votato per votare per il budget, e poi hanno cominciato a pre-iniziare prima della prima neve. Le loro sedie sono al sicuro oggi e la città non è in nessun reparto. L'unico uomo che può rompere questa agonia oggi non può parlarne. Non difenderlo se non i tribunali.

La democrazia a Zagabria è stata venduta agli illuministi solo per 15 milioni di kune più un importo sconosciuto per il quale saranno accusati di assistenza della polizia.

Ma almeno il nostro sindaco sarà gentile.