Parco

Ho detto prima che il canale era la linea che separava Kozari Boka e Kozari Puteva, e ci siamo incontrati sui "ponti", quello da cui sono saltati Pacov e Munja. Se questo confine naturale e non molto profumato fu spazzato via, Archangel Bandic si prese cura di se stesso, e la madre della natura si prese cura del bel prato nel canale puzzolente. Sebbene Bandic, a causa della sospetta attività intorno a questo progetto, fosse quasi gravato da un abito a righe, non diminuì la nostra gioia. Soprattutto quando ci sono parchi per bambini e bellissimi campi sportivi nel prato ..

Per rendere più chiaro il motivo per cui siamo cresciuti così infantili sguardo parchi avanti, è necessario sottolineare che siamo dopo 50 o più anni per ottenere le prime altalene e scivoli. E prima che il parco ha aperto ufficialmente, parchi erano pieni di bambini, ma anche noi adulti che sbavano per altalene. Io, per esempio, spesso sotto la copertura della notte e il pretesto per condurre un bambino a giocare, oscillare ad esaurimento e gli occhi intorno Saram come un camaleonte nel timore che qualcuno avrebbe visto. E tu non devi incolparlo. Altalena e scivolo era il sogno irrealizzato della mia generazione che sono solo qua e là, che va dalla scuola di contrabbandare all'asilo bokovčanski di sentire la magia della slitta, sandbox e altre meraviglie che eravamo Zagabria (mai lui non perdonerà) cinicamente truffato.

In un viaggio abbastanza casuale da Kvatrica al bus, ho scoperto che questo non è il primo parco per bambini nel nostro villaggio. Mi disse che un anno più vecchio di Ljerka era quando eravamo ubriachi con Heizel:

- Siamo in 7. Con la separazione di questi 70, volevamo parcheggiare per un lungo periodo, anche se è un bisogno naturale per il bambino. Sapevamo che non dovevamo aspettare l'iniziativa di Zagabria, o dei nostri genitori mai impiegati. Ecco perché ci stringemmo le maniche e in un cortile, il vecchio furgone viziato si appoggiò al tabellone e corse via con lei come uno slittino. E le oscillazioni sono scivolate via, ma troppo basse, quindi stavamo mentendo ", dice con nostalgia Ljerka con un sorriso da un orecchio all'altro.

In quel momento, non mi sono nemmeno tuffato fino a tarda notte nel nuovo parco e l'ho beccato mentre sciava come un bambino.

E infatti, guardando il nostro resort ora (almeno per me), toglie il fiato. Perché, ricordo come il mio respiro era stato portato via prima ...

Ero al terzo o al quarto anno quando ero nel cortile della scuola mangiando un gablec - mela e cous cous. Oltre a me, Zoran ha masticato il panino che aveva portato da casa perché sapeva che scuola era nel menu giovedì. E mentre ero così affamato dall'invidia di Zoran al suo spuntino, abbiamo guardato insieme gli eventi sul canale che sfrecciava vicino alla scuola. Le pattuglie della polizia erano, infatti, barche a vela sul canale e riempivano alcuni grossi grimaldelli in fondo allo sfortunato cercatore che era stato rimbalzato in onde tempestose prima della moto. Ora veniamo alla parte che ha preso il mio respiro ...

Ai nostri occhi hanno strappato un cadavere enorme, mezzo stropicciato e hanno concluso: non è lui! Dio sa quante anime in quel canale sono annegate e finite in Sava senza mai chiedere a nessuno di loro.

Ricordo che rimasi senza fiato dalle scene e il pezzo di salame di Zoran uscì dalla sua bocca. Davvero, una vista a mente che ti impedisce di godere di questa visione che abbiamo - ora.

Autore: Snježana Vučković