Il primo asilo natalizio croato ha festeggiato il loro quinto compleanno! Puoi vedere questi asili nella chiesa di sv. Blaze a 5. Febbraio, e sono anche entrati nel programma dell'Avvento a Zagabria.

L'autore di Vojta Branis Nativity Scenery è stato concepito come un'esposizione delle tradizioni e della tradizione del villaggio croate, per fare qualcosa di diverso dai pastori di Betlemme precedentemente presentati. Pertanto, portano il nome "Natale croato".

- Deda ha vissuto a Bozjakovica e ha avuto un momento difficile. Ha voluto mettere questo motivo nel presepe perché finora comunicati a Betlemme, ma ha voluto mostrare il nostro popolo - ha spiegato Branka Komadina, nipote di autore difendere se stessi, che è fatta anche 150 figurine di cera per i loro presepi. Branis ha realizzato per la prima volta le statuette della cera raccolta dalla Cappella di St. Rocco, e la cera era spaventata.

TamburasiTamburasi

- Dal parroco di S. Blaze poi un giovane artista Braniš ricevuto una vasta area, la libertà e l'obbligo di mostrare il villaggio e costumi - dice Vesna Maggiorana Subotic, curatore Glyptotheque Academy, aggiungendo che la chiesa ha portato anche "la nostra arte, le nostre tradizioni, la nostra gente in costumi nazionali."

Secondo Branko Komadine, vengono mostrati sesto costume, sessanta motivi e dettagli, quindi possiamo dire che si tratta delle vere capesante di Zagabria.

Župa Sv. Blaze ha inoltre sviluppato un tour speciale parco Rok e la cappella, che collega la Città Alta e Bassa, e contribuendo in tal modo alla crescita del turismo culturale a Zagabria.

Anche il sindaco della città di Zagabria, Milan Bandic, ha partecipato alla presentazione del vivaio, che ha affermato che "non ci sono più cose belle che la conservazione dell'identità nazionale".

Autore: Vedrana Mišković